La Tonnara di Scopello

Tappa fondamentale durante la vostra permanenza a Scopello non potrà che essere la bellissima Tonnara di Scopello.

Venne inizialmente costruita nel XIII secolo, poi ampliata e modificata più volte nel corso della storia, prima dalla famiglia San Clemente, poi dalla Compagnia di Gesù e per finire dalla famiglia Florio.
Sopra la Tonnara potrete ammirare due torri:
una risalente al 1200, di cui oggi restano pochi ruderi e l’altra risalente al 1400, opera dell’ingegnere fiorentino Camilliani che non fa parte del comprensorio della Tonnara.

In un primo tempo il nucleo della Tonnara era costituito dalla fabbrica addossata alla roccia e dalla torre voluta per l’avvistamento del nemico a difesa di Scopello e della Tonnara stessa.

La tonnara e i faraglioni
La tonnara e i faraglioni
Il percorso per la tonnara
La Tonnara
Dettaglio Tonnara

Nel 1468 la famiglia aristocratica Trapanese di San Clemente ne ottenne la concessione ed iniziarono così i primi lavori di ampliamento.

La tonnara venne ingrandita portandola alle sembianze che ha tutt’oggi, inoltre sono sempre dovute ai San Clemente le edificazioni del baglio, oltre che la casa del custode della tonnara, i magazzini e la falegnameria, la loggia dove venivano appesi i tonni per le varie fasi della lavorazione della carne, il forno del custode e lo scagno, ossia il locale dove veniva pagata la ciurma.

Alla gestione della famiglia San Clemente seguì quella dei Gesuiti. In questi anni vennero apportate ulteriori modifiche e migliorie. I Gesuiti infatti, ampliarono e trasformarono sia l’area di ricovero delle barche, sia l’alloggio dei pescatori e venne inoltre costruita una piccola chiesetta.

Alla gestione della Compagnia di Gesù, seguì quella della famiglia Florio.

Ignazio Florio acquistò nel 1874 due ottavi della tonnara. Si devono a lui moltissimi ammodernamenti oltre che la sopraelevata di uno dei corpi del baglio per destinare i nuovi locali adibiti all’amministrazione.

Sotto la gestione Florio vi fu un notevolissimo incremento del pescato. Tra il 1896 e il 1905 il quantitativo dei tonni pescati si aggirava tra i 1043 ai 2480 quintali. Tra il 1922 e il 1962 risulta un pescato medio di 472 tonni.

Con il passare degli anni la presenza dei tonni nel mediterraneo iniziò però a diminuire. Tra il 1961 e il 1970 il pescato arrivava appena a 600/800 quintali. Negli anni 80 del novecento fu effettuata l’ultima mattanza. Nel 1981 la tonnara venne adibita esclusivamente a sperimentazioni biologiche.

Oggi la tonnara di Scopello ospita un diving center che organizza immersioni e ed escursioni in gommone.

La tonnara è visitabile tutti i giorni fino alle 19.

Pagando un biglietto d’ingresso di 4 euro potrete ammirare il bellissimo edificio, l’atrio d’ingresso, le antiche ancore oltre che godere del suggestivo panorama sulla baia e i faraglioni e non da meno fare un bagno in questo mare da sogno!

Se lo desiderate sarà anche possibile effettuare una visita guidata all’interno della tonnara per approfondire il valore che questo luogo racchiude, la sua storia e il sacrificio degli uomini che praticavano la pesca dei tonni “all’antica maniera”.

 

 
 
 
Riserva Vendicari